TU sei TU

Il nostro amore è cresciuto, e noi dove eravamo?
Immersi nella nostra quotidianità non ci siamo soffermati a vederlo crescere.
Perché noi, amore mio, siamo maturati insieme.
E oggi penso al giorno in cui ci siamo conosciuti, penso a come eravamo prima e a quello che siamo diventati ora.

Due giovani spauriti con le porte del cuore aperte.
Due giovani timorosi di soffrire, ma con sete di affetto.

Ed io che credevo di non innamorarmi mai, di vivere di altro.

Oggi penso a come ci siamo conosciuti.

Noi due, spiritosi e stupidi, noi due, senza niente da perdere.

Adesso di cose da perdere ne ho molte, e lotterei per non lasciarle fuggire via  Queste cose riguardano te, te che sei entrato nella mia vita con passi silenziosi e delicati, attento a non farmi male, attento a non farmi cadere.

…che la malinconia e i ricordi spengono l’umore, ma oggi mi rendono serena….

E penso a quando ci siamo conosciuti, a quando ci siamo sfiorati senza toccarci, raccontandoci piccole parti di noi.
E la nostra voglia di scoprirci, le mille parole non dette.
Accendere il computer solo per sentirti, restare a casa solo per parlare con te, te che eri uno sconosciuto e potevi restarlo.
E poi la tua spontaneità al telefono, la tua voglia di farmi ridere.

Conquistarmi lentamente.

Come ho fatto a capire da subito che persona straordinaria eri? Io che non rischio, che non ho fiuto per queste cose.

E come si può restare stregati e contenti di esserlo?

Ricordo la paura dell’inizio. Al primo appuntamento sono tornata a casa con il pensiero che l’indomani non ti saresti fatto sentire, vittima di attenzioni di una sera, e qualche giudizio affrettato.
Non è stato così, anche se ogni giornata era una continua paura di perdersi, di non capirsi.
La paura di essere diversi, di restare vicini con le sensazioni, e smarrirsi tra principi discordi.
Alcune paure se l’è portate via il vento della nostra lontananza, altre se l’è trascinate la corrente esperta del mare.
Il mare delle nostre isole, dei nostri giochi in acqua, e delle nostre serate importanti.
I contabaci in tilt, i telefoni sempre accesi per stare insieme, le fotografie per ricordare ogni attimo.
E poi quella paura notturna che non ti lasciava mai, nemmeno per sognare.

La paura accompagnata alla serenità di viverti.

Perché noi siamo cresciuti insieme, con i nostri difetti e le nostre mancanze di ragazzi inesperti; con i nostri umori e la testardaggine a far da guida ad ogni discorso.
Siamo maturati sentendoci dentro l’un altro anche quando eravamo divisi, e siamo diventati migliori in ogni cosa della nostra vita.

Disillusi, spaventati.
Ricreduti sull’amore.

Ci siamo compresi, supportati, consolati. Ci siamo salvati a vicenda come due amanti, due amici d’infanzia,  due complici beffardi che deridono i pericoli e se ne giocano. Ci siamo lavati da tutte le nostre diffidenze e abbiamo costruito un rapporto basato sul rispetto, la fiducia e la sincerità.

E oggi penso a come ci siamo conosciuti, e mi sembra impossibile tutto questo.

Perché tu sei tu, e io non potevo saperlo quel giorno in cui abbiamo parlato per la prima volta.
Tu sei tu e lo scopro ogni giorno che vivo insieme a te.

Annunci

9 thoughts on “TU sei TU

  1. Arriva così senza neanche un segnale tra sogni
    e pensieri. Arriva così da una freccia scagliata da
    un cupido voglioso. Arriva perchè…l’attesa eri tu.
    Un caro saluto

  2. che bello leggere il percorso, dalla nascita, ai suoi momenti di crescita, di un sentimento così emozionante come l’amore, quello che più ci rende fragili ma anche tanto forti..

  3. Che strano arrivare qui oggi.

    Strano, perché sei nel mio cercablog, e leggo subito tutti i post di voi blogamici, appena usciti. Ci passo due, tre volte al giorno, ma questo…

    …questo, sì che l’avevo visto ma, non so perché, non l’avevo letto. E ci passavo, e ripassavo, e ogni giorno andava più giù, spinto dai post più recenti di altri amici, finché oggi, sempre sul cercablog, capito sul post di Incognita, anche quello visto prima, ma su cui solo oggi mi sono potuta fermare, e ritrovo un video che già conoscevo e amavo, Ferruccio Amendola che recita una poesia di Neruda, “Se tu mi dimentichi”: avvio il video, e mentre sento in cuffia questa musica di sottofondo che m’entra nell’anima, mentre ascolto quelle parole di così grande amore, leggo il tuo post, e mi commuovo.

    Mai creduto alle coincidenze: dovevano capitare i fatti di questi giorni, le andate, i ritorni, i rimpianti e le nostalgie, e le parole di Neruda, e la musica, per farmi apprezzare fino in fondo che cosa magnifica sia l’amore, e di come ci colga all’improvviso, impauriti, e poi ci convinca di come sia meraviglioso viverlo, abbandonarsi, credere ancora…

  4. Grazie per i bei commenti che ho ricevuto, se vi avessi qui vi stringerei tutte con un forte abbraccio 🙂

    * Ifigenia: Ti ringrazio per il video e la poesia, è bellissima, e l’ho caricata anche su facebook per ascoltarla e riascoltarla. Mi hai fatto un grande regalo, perchè questa poesia non la conoscevo.

  5. che belle parole!! per un attimo mi sono immedesimata molto nel tuo racconto e forse è proprio perchè lui lo conosciamo (intendiamoci, a ognuna il proprio!eheh) ogni giorno un po’ di più che ancora siamo così incantate ed affascinate dalla potenza della scoperta dell’altro..
    concludendo..il tuo lui deve sentirsi orgoglioso di queste belle parole!
    buona serata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...