Confusioni letterarie

 

 

Scrivo. Scrivo che scrivo. Mentalmente mi vedo scrivere che scrivo e posso anche vedermi vedere che scrivo. Mi ricordo che già scrivevo e anche che mi vedo scrivere che scrivevo. E mi vedo che ricordo che mi vedo scrivere e mi ricordo che mi vedo ricordare che scrivevo e scrivo vedendomi scrivere che ricordo di avermi visto scrivere che scrivevo. Posso anche immaginarmi che scrivo che già avevo scritto che mi sarei immaginato che scrivevo che avevo scritto che mi immaginavo che scrivevo che mi vedo scrivere che scrivo.

SALVADOR ELIZONDO, El Grafògrafo

 

Uno scrittore inventa i suoi personaggi, li crea a suo piacimento e poi li distrugge mettendoli uno contro l’altro.
Il protagonista di ieri diventa quello di oggi, la confusione delle varie storie è tale da apparire geniale.

– Questo è Mario Vargas Llosa. –